Intervista a Romano De Marco – L’uomo di casa

51xsxaqr0yl-_sx322_bo1204203200_Ti ringraziamo per la tua disponibilità e partiamo subito a bomba. Perché hai scelto di ambientare questa storia in America?
Ho voluto creare una forte discontinuità con le mie cose precedenti, cambiare genere, personaggi, ambientazione. Dovendomi cimentare con il thriller, ho ritenuto fosse normale ispirarmi alla scuola nord americana che è quella più impressa nel mio immaginario e nel mio background di lettore. Ho una sorella che vive proprio nei luoghi nei quali ho ambientato il romanzo e vado a trovarla tutti gli anni. Conosco molto bene quei posti e ciò mi ha facilitato permettendomi di parlare con cognizione di causa di una parte di America che mi affascina e mi ispira.

La protagonista Sandra Morrison deve fare i conti con tutte le menzogne che assediano la sua vita. Cosa è per te una bugia? Un romanzo non è forse una bugia raccontata al lettore?
Un romanzo è una bugia che nasconde molte verità. Sull’autore, sul suo modo di intendere la vita, i sentimenti, i rapporti con gli altri. Per me è impossibile scrivere qualcosa, che sia un romanzo o un racconto su un qualsiasi argomento, che non abbia all’interno un po’ del vero me stesso.

Realtà vs Finzione. Nella cronaca i morti sono reali mentre nella finzione sono “solo” a parole, ne L’uomo di casa fai riferimento alla Lilith di Richmond, la storia di una donna che rapisce e uccide dei neonati. Per descrivere questo caso ti sei ispirato a qualche notizia degna di Crime tv?
Non mi ispiro quasi mai a casi reali e non l’ho fatto nemmeno per l’odioso crimine dalla Lilith di Richmond. Nell’autunno del 2015, però, quando la prima bozza del romanzo era già stata ultimata, fu scoperto un crimine molto simile, perpetrato nella cittadina di Wallenfels, a nord della Baviera. La notizia mi sconvolse al punto da farmi riflettere se fosse il caso o meno di modificare integralmente il romanzo. Alla fine decisi di lasciarlo così. A poco più di un anno di distanza, sono in pochi a ricordarsi di quel caso assurdo e orribile. C’è stata una sorta di rimozione collettiva, ed è più o meno la stessa cosa che accade nel mio romanzo… Un parallelismo marcato, quindi, ma del tutto casuale.

Sandra e Devon sono al centro della trama. Perché hai scelto due donne come protagoniste e quali difficoltà hai incontrato nell’immedesimarti in loro e nella difficile situazione che stravolge il loro presente?
Da sempre ritengo i personaggi femminili più interessanti di quelli maschili. Le protagoniste femminili sono più forti, piene di sfaccettature e profondità da esplorare e sono in grado di valorizzare meglio le storie. Anche nel mio penultimo romanzo, CITTA’ DI POLVERE, le donne erano protagoniste come e più degli uomini, a partire da uno dei miei personaggi ricorrenti, il commissario Laura Damiani. Stavolta, però, la sfida era quella di raccontare delle donne “normali” alle prese con eventi straordinari. Per farlo ho chiesto aiuto alle mie consulenti abituali, lettrici forti e amiche, che hanno letto il romanzo in anteprima dandomi qualche punto di vista interessante che mi ha permesso di migliorare alcuni tratti psicologici dei caratteri di Sandra e Devon, ma non solo. Inoltre, per la prima volta, ho sottoposto le bozze del romanzo a un gruppo di lettura tutto al femminile (Falling Book, presieduto da Samanta Picciaiola) che ha espresso un parere molto schietto e oltremodo utile, che mi ha aiutato notevolmente nella fase di editing narrativo che ha portato alla stesura finale.

Nella condizione umana c’è una verità: che tutti gli uomini mentono. La sola variabile è su cosa mentono.” So che scrivi anche recensioni delle serie tv per Il libro guerriero, il meraviglioso blog gestito da Marilù Oliva, quindi per omaggiarti pesco dal Dr. House una bella citazione. Quanto sei d’accordo con questa affermazione?
Abbastanza. La menzogna è parte integrante della nostra vita, a volte si rende necessaria, inevitabile, fa parte delle tante convenzioni che orientano le nostre esistenze in una direzione prestabilita. Hai citato le recensioni, che rappresentano un esempio eclatante di questa “prassi della menzogna”. Oramai soprattutto sul web, la recensione positiva è diventata un atteggiamento standard, dovuto, sottinteso. Le recensioni critiche sono una rarità, vengono spesso etichettate come “stroncature” e stigmatizzate nella consueta gogna mediatica dei social, al punto che nessuno se la sente più di farle. Personalmente non risparmio critiche, anche aspre, quando recensisco serie TV e film d’oltreoceano, ma provo molte remore quando devo criticare prodotti italiani. La prima cosa che mi viene in mente è “chi me lo fa fare?” Per questo, quando leggo commenti lusinghieri sulle mie cose, li prendo con un certo distacco perché so che, probabilmente, il recensore li ha fatti per quieto vivere. Anzi, è già una gran cosa quando prima della recensione il romanzo viene realmente letto…

Ti ho già chiesto – almeno un paio di volte – se hai dei consigli per gli aspiranti scrittori, questa volta salto la domanda, però ti chiedo di dirci qualcosa a proposito del tuo processo creativo: da dove nascono le tue trame e come riesci a gestirle?
Il cosiddetto “pensiero magico” ha una grande importanza nella mia vita. Fantasticare su trame, storie, personaggi, per esorcizzare paure, incomprensioni, insoddisfazioni della vita reale, è un’abitudine che mi accompagna dall’età pre adolescenziale. Attingo, oltre che alla pura fantasia, all’enorme bagaglio di suggestioni delle mie letture di libri e fumetti, delle innumerevoli visioni di film e puntate di serie tv, finanche dagli spunti che mi arrivano dalle notizie di cronaca nera. La gestione di tutto questo materiale è complessa. Spesso, quando scrivo un romanzo, voglio metterci dentro più cose possibili e, ultimamente, faccio fatica a farcele stare. Mi aiuta molto lo scrivere i tanti racconti che mi vengono richiesti per le antologie, ma ho sempre materiale pronto per poter iniziare tre o quattro romanzi nuovi. Quello che mi manca è solo il tempo di scriverli.

La classica che chiude ogni intervista. Progetti futuri?
Sono a buon punto con un nuovo romanzo della mia serie Noir milanese, che segna il ritorno dei personaggi di Luca Betti e Marco Tanzi, ma ho anche un’idea per un nuovo thriller che voglio iniziare a scrivere il prima possibile. C’è il seguito del mio primo romanzo FERRO E FUOCO bello che pronto da otto anni e sono fermamente intenzionato a dargli una collocazione editoriale. Poi ci sono due miei romanzi dei quali ho riacquisito i diritti e vorrei ripubblicare anche quelli. Tutto, però, dipenderà da come verrà accolto L’UOMO DI CASA. Le prossime mosse le deciderò insieme all’editore PIEMME, con il quale mi sono subito trovato molto bene, e con la mia amica e agente Loredana Rotundo.

Ciao Romano, grazie ancora per la tua cortesia. A nome di tutta la redazione di Milano Nera ti auguro Buona scrittura.
Grazie a voi, è sempre un piacere!

Romano de Marco presenterà il libro a Milano  mercoledì 1 Febbraio alle 18.30  presso la Rizzoli Duomo
Modera Paolo Roversi
thE sarà tra uno degli ospiti della serata di apertura del NebbiaGialla

NebbiaGialla Suzzara Noir Festival


You may also like